alimenti ad alto indice glicemico

I cibi con elevato indice glicemico e rischio depressione

Mangiare alimenti ad alto indice glicemico aumenta il rischio di diabete, ma non solo: stando ad uno studio pubblicato sull’American Sociey of Nutrition, i cibi con elevato indice glicemico potrebbero aumentare anche il rischio di depressione: ricordiamo che l’indice glicemico indica la velocità con cui aumenta la glicemia (la concentrazione di glucosio nel sangue) in seguito all’assunzione di cibi.

La ricerca di cui si tratta è stata condotta su un campione di 3.363 membri non accademici della Isfahan University of Medical Sciences, ai quali è stato sottoposto un questionario. I risultati hanno evidenziato che gli individui che assumono cibi con indice glicemico (GI) nel terzile più alto (terzile: in statistica, per una serie ordinata di dati, ciascuna delle tre parti uguali in cui la serie medesima può essere divisa), hanno maggiori probabilità di sviluppare ansia e depressione, rispetto a quelli che assumono cibi con indice glicemico nel terzile più basso. Hanno altresì messo in evidenza il legame esistente tra la probabilità di depressione, ed alti livelli di indice glicemico.

Sembrerebbe esistere, inoltre, una relazione inversa tra carico glicemico, ovvero l’impatto sulla glicemia di un pasto glucidico, e la quantità di carboidrati contenuti al suo interno, ed i disturbi mentali e la depressione.

Foto flickr di qasic distribuita secondo la licenza Creative Commons (BY-NC-ND)

© RIPRODUZIONE RISERVATA