activity tracker fitbit

Cicogna preannunciata da Fitbit

La tanto attesa notizia di un bimbo in arrivo, questa volta non è arrivata dal HGC , cioè da un normale test di gravidanza, ma da un dispositivo elettronico che tiene traccia dell’attività fisica svolta, cioè da un activity tracker prodotto dall’azienda californiana Fitbit.

Infatti, l’arrivo della cicogna è stata preannunciato dai dati anomali rilevati da un activity tracker della Fitbit ad una donna di New York. I fatti. David, il futuro padre, aveva comunicato l’esistenza di questi dati – da lui ritenuti frutti di un errore – ad famoso sito internet di news ed intrattenimento – la comunità di Reddit. David (che su Reddit si firma con lo pseudonimo di YoungPTone) aveva precisato che la sua compagna “da un paio di giorni mostra costantemente una frequenza cardiaca elevata”. Al riguardo veniva intervistato da giornalisti: ai microfoni di Buzzfeed il futuro papà spiegava che in quel periodo l’activity tracker della sua compagna segnalava, a riposo, una frequenza che arrivava a 110 battiti al minuto, che, addirittura, un giorno era “stata per dieci ore consecutive nella fascia cardiaca di allenamento aerobico, il che non era compatibile con alcuna delle attività da lei svolta”.

Sempre a tal proposito, alcuni utenti della comunità di Reddit avevano rafforzato la sua convinzione che il dispositivo non funzionasse bene, avendolo informato che, recentemente, alcuni consumatori si erano lamentati sui potenziali errori di misurazione di alcuni prodotti dalla ditta californiana.

Ma uno dei Redditor (così si autodefiniscono i membri delle comunità cultori di Reddit) suggerì che molto probabilmente poteva trattarsi, non di un errore di misurazione, ma che l’apparecchio stava correttamente rilevando un primo sintomo di qualcosa di diverso: “una gravidanza è altamente probabile”, aveva ipotizzato. La risposta di David fu: “Allora potrei diventare papà, accidenti. Ora misuro la mia frequenza cardiaca”.

David aveva spiegato al suo interlocutore che da mesi stava cercando con la sua compagna di avere un figlio, ma non aveva idea che tra i primi sintomi della gravidanza vi era anche un’accelerazione della frequenza cardiaca.

Effettivamente si trattava di una gravidanza: il giorno dopo confermò che la compagna era in attesa di un bambino la cui nascita era prevista per il mese di novembre. “E’ certamente una bella storia che un giorno potremmo raccontare a nostro figlio”, ha concluso il felice futuro papà.

Foto: Insert Magazine  / CC (BY-NC)