diabete di tipo 1

“Pancreas artificiale” per curare diabete di tipo 1

Secondo i ricercatori, della University of Virginia, un comune smartphone, in combinazione con un piccolo sensore ed una pompa di insulina portatile, potrebbe essere in grado di sostituire il pancreas nel controllare la quantità di glucosio nel sangue e nel fornire al corpo la giusta quantità di insulina.

«E’ dal 2006 che stiamo lavorando sul progetto di un pancreas artificiale e, non solo abbiamo dimostrato che esso è realizzabile, ma addirittura, che è gestibile attraverso un comune smartphone», dichiara Boris Kovatchev, direttore presso il Centre for Diabetes Technology della University of Virginia, che è a capo della ricerca.

Il sistema funziona grazie ad un semplice sensore che deve essere indossato e tenuto a contatto con il corpo. I dati raccolti dal tale sensore vengono quindi inviati wireless ad un’applicazione per smartphone in grado di analizzare i valori rilevati e comandare una pompa che rilascia l’insulina direttamente nel sangue del paziente. Secondo i ricercatori tale dispositivo sarebbe estremamente comodo e facile da indossare su qualsiasi capo di abbigliamento ed in qualsiasi condizione di lavoro. 

«Il dispositivo opera senza che il paziente se ne renda conto», sostiene il professor Francis Doyle, che ha collaborato alla ricerca e che è direttore della facoltà di ingegneria e scienze applicate della Harvard’s Paulson School.

Il progetto del “pancreas artificiale”, che ha già ricevuto un finanziamento di 12,6 milioni di dollari da parte del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti (NIH), prevede che nel 2016 una serie di test ne dimostrino l’attuabilità pratica e l’affidabilità. Uno dei centri che parteciperanno alla sperimentazione è italiano.

Il diabete di tipo 1 è una patologia in cui il pancreas non è più in grado di produrre l’ormone che regola i livelli di glucosio nel sangue, permettendogli di entrare all’interno delle cellule, dove funziona come riserva di energia. La cura di questa malattia, che si sviluppa in giovane età, richiede un trattamento con insulina che dura tutta la vita.

Secondo il Ministero della Salute, in Italia le persone con diabete di tipo 1 sono circa 300.000 e l’incidenza di questa malattia è in aumento.

 

Foto: Medicine Virginia