pressione alta rimedi naturali

Pressione alta. Rimedi naturali

E’ noto che, in linea generale, per prevenire, per tenere sotto controllo, e per limitare i rischi collegati alla pressione minima alta, occorre curare la propria dieta diminuendo il consumo di certi cibi e prediligendone di altri. Tuttavia, negli ultimi anni, è stata anche dimostrata l’efficacia di alcuni rimedi naturali nel prevenire e gestire i problemi circolatori. In commercio, si trovano oggi degli integratori alimentari che sono in grado di contrastare, almeno in parte, gli effetti negativi che alcuni alimenti che consumiamo hanno sulla pressione cardiaca. Si tratta, in particolare, di integratori a base di vitamina “D”, di cloruro di magnesio, di acidi grassi omega-3 derivati dall’olio di pesce, di antociani. Grazie ad essi si correggono le diete contemporanee basandosi, paradossalmente, sui “vecchi” principi delle diete delle culture più antiche. Gli integratori alimentari che sinteticamente illustriamo hanno effetti riduttivi della pressione, di per sé, indipendentemente dalla correzione o meno di errori  nell’alimentazione quotidiana.

Vitamina D

Pressione alta: rimedi naturali. La vitamina D

Le persone che hanno carenza di  vitamina “D” hanno più probabilità di altre di soffrire di ipertensione1)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/85410042)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18838623.  Uno tra i vari – straordinari –  effetti benefici sulla salute della vitamina “D”  è  legato alla riduzione della pressione alta nei pazienti con scompenso cardiaco, con azione simile a quella degli ACE-inibitori (dove ACE sta ad indicare gli enzimi che convertono l’angiotensina)3)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19852887. Assunta sotto forma di integratore alimentare (online la puoi acquistare quì) da sola, o assieme al calcio, la vitamina D può ridurre la pressione del sangue nelle persone che solitamente la hanno alta4)http://press.endocrine.org/doi/pdf/10.1210/jcem.86.4.7393 5)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19587609.

Aglio

aglio pressione minima altaL’aglio dilata la muscolatura dei vasi sanguigni, riducendo la pressione sugli stessi. Inoltre, questo comune alimento è costituito da un composto chiamato adenosina, che è un rilassante muscolare. Molte tradizioni e usanze popolari associano all’aglio la funzione di tenere sotto controllo l’ipertensione moderata con risultati spesso comparabili a quelli dei tradizionali medicamenti. Tuttavia, bisogna porre attenzione perché l’aglio deve essere quello invecchiato: “l’aglio in cotto o crudo, in polvere non è altrettanto efficace” – spiega la dottoressa Karin Ried, dell’università di Adelaide in Australia.  L’estratto di aglio invecchiato (Aged Garlic extract) è preferibile all’aglio fresco in quanto la sua azione anti-ipertensiva è sicuramente superiore così come la tollerabilità gastro-intestinale. Lo trovi quì.

Coenzima Q10 (CoQ10)

Pressione alta: rimedi naturali. Coenzima q10Tra gli antiossidanti, il coenzima Q10 – noto anche come vitamina Q, che è una molecola organica presente in tutte le cellule –  ha risalto per la sua facoltà di  favorire salutari  livelli di pressione sanguigna. I dati, emersi da 12 recenti studi sul tema (eseguiti complessivamente su un campione di 362 soggetti), hanno rivelato un impressionante calo di 16.6 mg Hg nella pressione sistolica, ed un calo di 8.2 mg Hg in quella diastolica, e ciò a seguito della  somministrazione di dosi di CoQ10, che andavano dai 30 ai 360 mg al giorno6)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17287847. Secondo altri studi recenti, la riduzione della pressione sanguigna, potrebbe non essere tuttavia sufficiente ad eliminare il rischio di complicazioni cardiovascolari come infarto e morte. Potrebbe, infatti, essere necessaria anche una riduzione dello (eventuale) spessore anomalo della muscolatura cardiaca, o “ipertrofia” (rilevata mediante ecografia)7)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15547162. Il CoQ10 è in condizione di ridurre l’ipertrofia anomala causata dalla pressione alta8)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/?term=Langsjoen+PH%2C+Folkers.+Isolated+diastolic+dysfunction+of+the+myocardium+and+its+response+to+CoQ109)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7752851. Il tutto – virtualmente senza effetti collaterali – in quanto il CoQ10  viene prodotto dal corpo spontaneamente ed è, quindi, un rimedio assolutamente naturale. Il coenzima Q10 si può assumere anche sotto forma di integratore alimentare che puoi acquistare quì => Coenzima Q10+

Picnogenolo (estratto di corteccia di pino marittimo francese)

Pressione alta: rimedi naturali. PicnogenoloSempre in materia di proprietà anti-ipertensive, numerosi studi  hanno evidenziato l’efficacia del picnogenolo – un composto di diversi polifenoli,  bioflavonoidi quali le procianidine in particolare, ed acidi fenolici che agiscono in maniera sinergica, potenziando reciprocamente la propria attività antiossidante – picnogenolo,  che  che viene isolato dalla corteccia del pino marittimo francese che cresce lungo la costa meridionale del Paese transalpino. Uno studio dell’Università dell’Arizona ha, al riguardo, documentato una diminuzione – con riferimento a soggetti diabetici che assumevano 125 mg di questo composto ogni giorno10)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19083426 – del 50% della necessità di assunzione di medicinali per l’ipertensione.  Altri  interessanti fatti registrati sono un calo nella glicemia di 23.7 mg/L,  ed una riduzione dello 0.8% nell’emoglobina A1c (un’unità di misura utilizzata per il controllo a lungo termine dei livelli di glicemia). Un precedente studio aveva già evidenziato  – in soggetti che prima già assumevano 100 mg al giorno11)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14659974 – un minor bisogno di farmaci calcio-antagonisti. Il picnogenolo esercita la sua funzione anti-ipertensiva bloccando gli ACE – e, quindi, agisce in modo simile al meccanismo dei farmaci ACE-inibitori Enalapril e Lisinopril – migliorando la responsività degli endoteli  (strato di rivestimento dei vasi sanguigni), e bloccando gli effetti dell’adrenalina (epinefrina)12)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11996210. Integratori a base di estratti di picnogenolo sono acquistabili online o nei negozi specializzati.

Antocianine

Pressione alta: rimedi naturali. AntocianineLe antocianine sono una classe di flavonoidi di origine vegetale che conferiscono i pigmenti rossi viola o blu, al mirtillo rosso americano, al mirtillo, alla melanzana, all’uva, al vino rosso, al melograno, e  anche ad altri vegetali colorati in modo simile. Le antocianine, tra tutte le migliaia di flavonoidi e polifenoli finora scoperti finora, quanto a benefici effetti sulla salute  sono  tra i migliori rimedi naturali. Una ricerca finlandese, condotta su 72 soggetti di mezza età, ha messo a confronto gli effetti derivanti da una dieta priva di bacche con quelli derivanti dal consumo di due porzioni di bacche al giorno (alternando un programma che prevedeva il consumo di 100g di mirtilli e 50g di mirtilli rossi schiacciati; oppure purea di fragola o ribes nero e succo di aronia e lampone):  costituendo 275 mg dei totali 837 mg di flavonoidi assunti in un giorno,  la classe di flavonoidi predominante era costituita da antocianine. Il gruppo che consumava le bacche ha avuto una riduzione della pressione sistolica pari a 7.3 mmHg, assieme ad  un contemporaneo aumento del 5.2% delle HDL (lipoproteine ad altà densità)13)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18258621. I ricercatori hanno anche constatato che, una somministrazione di 50 mL di succo di melograno arricchito con antocianine, aveva ridotto la pressione sanguigna  dei soggetti esaminati di circa il 12%, oltre ad aver ridotto lo spessore delle tonache intima e media dell’arteria carotide14)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15158307. Allo stesso modo del  picnogenolo e della vitamina “D”, anche le antocianine sono naturali inibitori dell’ACE che è responsabile della pressione alta15)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19808084. Inoltre, le antocianine potenziano la produzione dell’ossido nitrico, l’agente naturale in grado di rilassare le arterie in modo deciso16)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15226277. Una precisazione: tra le fonti più ricche di antocianine, ci sono le bacche di sambuco, l’aronia e il mirtillo, che possono anche essere assunte anche sotto forma di integratori come rimedio naturale per la pressione alta. Online li puoi acquistare quì.

Magnesio

Pressione alta: rimedi naturali. Cloruro di magnesioGli integratori di magnesio, oltre ad aiutare a gestire gli attacchi di asma, l’emicrania, l’eclampsia e la pre-eclampsia in gravidanza, le aritmie cardiache, e preservare la funzione renale17)http://www.aafp.org/afp/2009/0715/p157.html18)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19356369, aiutano anche a ridurre la pressione sanguigna19)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9719052. Infatti la sua carenza (di magnesio) produce un aumento della pressione sanguigna ancora più marcato  di quello causato dagli stili di vita, con poco magnesio e molto fruttosio, moderno –  stili di vita  che sono responsabili di  aumenti  di infiammazioni e di potenziali sviluppi di sindromi metaboliche20)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17402291. Da uno studio  recentemente condotto, è emerso che l’assunzione di integrazioni di magnesio, da parte di soggetti sani, ha  prodotto una riduzione della loro pressione sanguigna sistolica di 5.6 mmHg e della diastolica di 2.8 mmHg21)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19617879. Ne consegue che le persone affette da patologie cardiache potrebbero trarne benefici ancora maggiori. In altri 50 soggetti  con patologie cardiache avanzate è stato riscontrato che  l’assunzione di 500 g di magnesio allo stato elementare, aveva portato ad un calo di 9.0 mmHg della loro pressione sistolica, nonostante i livelli di magnesio nel siero fossero rimasti normali22)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19336644. L’effetto di riduzione della pressione sanguigna da parte degli integratori del magnesio, potrebbe essere particolarmente  rilevante  nei soggetti che presentano basse concentrazioni di magnesio nel siero. Una ricerca su soggetti diabetici con livelli di magnesio bassi, ha dimostrato un calo notevole di 20.4 mmHg della pressione sistolica e di 8.7 mmHg della pressione diastolica, con una dose giornaliera di 450 g di magnesio elementare23)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1902053324)http://segretidelbenessere.it/magnesio-alimenti-integratori-cloruro/.

Lo trovi quì  => Magnesio Supermo (Naturalmente). Ottimo per la salute in generale, oltre che per la pressione. Lo uso da anni e lo raccomando a tutti.

Acidi grassi Omega-3

Pressione alta: rimedi naturali. Oli ricchi di omega 3Gli acidi grassi omega-3 derivati dall’olio di pesce,  sono dei  composti ” affascinanti” i quali, oltre  a determinare  una riduzione dei trigliceridi ed dei problemi vascolari, sono in grado di ridurre anche la pressione sanguigna. Una dose giornaliera di 1000-3000 mg di acidi grassi EPA e DHA (assumibile anche sotto forma di integratori alimentari (un ottimo prodotto, puro e concentrato lo puoi acquistare quì) riduce la pressione sistolica di circa 2.1 mmHg, e la diastolica di circa 1.6 mmHg25)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12172309. Questa diminuzione della pressione sanguigna, avviene attraverso il blocco del sistema dell’angiotensina, promuovendo quindi il rilassamento delle arterie (e la normalizzazione delle disfunzioni endoteliali), riducendo la produzione di mediatori dell’infiammazione, e riducendo la produzione di fattori di costrizione delle arterie26)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19601857.

Resveratrolo

Pressione minima alta. ResveratroloIl resveratrolo è una sostanza  che si trova anche nella buccia dell’acino d’uva, è una sostanza che  ha spiccate proprietà antiossidanti, che  contribuisce a proteggere il nostro organismo anche da patologie cardiovascolari: in quantità modeste, anche il vino rosso ha dimostrato di poter ridurre il rischio di patologie cardiovascolari27)http://www.scielo.br/pdf/bjmbr/v37n9/5502.pdf. E’ stata attribuita molta importanza  ai benefici del resveratrolo (il quale, come detto, origina dal vino rosso e dall’uva) in relazione alla sua potenziale capacità di allungare la vita mediante l’attivazione dei geni sirtuine28)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18419308. A parte ciò, il resveratrolo, che è disponibile anche sotto forma di compresse, è in grado di inibire gli ACE e, quindi, di ridurre leggermente la pressione alta29)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19373235. Ripristina, inoltre, la produzione dell’ossido nitrico, naturale agente di dilatazione arteriosa30)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2228263/31)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19881294.  Vuoi acquistarlo? Lo puoi trovare quì.

Acetil-L-carnitina

L’acetil-L-carnitina è un aminoacido, utilizzato principalmente per la produzione di energia cellulare che contribuisce a facilitare il metabolismo dei lipidi nel corpo. Nel corso di uno studio preliminare, è stato osservato che  questo amminoacido aveva  ridotto la pressione sistolica di 9 mmHg in soggetti che ne assumevano 1000 mg due volte al giorno32)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19620516. In aggiunta, l’acetil-L-carnitina aveva  migliorato le risposte mediate da insulina e ridotto la glicemia.

L’integratore di L-carnitina (30 capusule) lo trovi quì.

Melatonina

Poiché l’alta pressione sanguigna notturna viene  normalmente associata ad un maggiore rischio di patologie cardiovascolari33)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18091750, è stato studiato l’effetto della assunzione di melatonina sull’ipertensione notturna. La melatonina assunta, prima o al momento di dormire, oltre ad aver favorito il riposo notturno, aveva ridotto la pressione sanguigna durante il sonno. Una recente ricerca, condotta su 16 soggetti, ha  evidenziato che una dose di melatonina di 2.5 mg, aveva ridotto la pressione sistolica e diastolica  nel corso del sonno, rispettivamente di 6 e 4 mmHg34)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14732734. In un altro campione, composto da 38 uomini adulti, è stato rilevato che 2 mg di melatonina a rilascio controllato, aveva ridotto la loro pressione sistolica di 6 mmHg e la diastolica di 3mmHg durante il sonno35)http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17000226.

Melatonina con purezza superiore al 99% la trovi quì.

Pressione alta. Rimedi naturali – Conclusioni

Lo studio delle culture antiche e degli stili di vita del passato, ci induce a concludere che  per la maggior parte di noi, una situazione di pressione alta è in larga misura legata alla dieta ed dallo stile di vita moderni. Ritornando ai cibi “primitivi” – specialmente riducendo o eliminando l’assunzione  di prodotti fatti con grano troppo lavorato, amido di mais, e zuccheri – possiamo ridurre in modo notevole la nostra  pressione sanguigna. A parte ciò, oggi si possono trovare in commercio prodotti che possono ripristinare per la maggior parte i valori nutrizionali tipici delle culture antiche, quelli che mancano nelle diete moderne. Non tutti  i soggetti che modificano in età adulta i propri stili di vita riusciranno ad evitare del tutto l’ipertensione: i piccoli accorgimenti sopra descritti potrebbero, però, aiutare a minimizzare il potenziale sviluppo di questa patologia pericolosa.