Probiotici in gravidanza

I Probiotici in gravidanza dimezzano il rischio di allergie del bambino

Negli ultimi anni si è assistito ad un vero e proprio “boom” di allergie in età prescolare. E’ risultato da una recente ricerca statistica che circa un bambino su quattro è affetto da qualche forma di allergia. Negli ultimi 20 anni, la percentuale di bimbi affetti da allergie è più che triplicata: erano il 7% nel 1995; oggi il 25% della popolazione pediatrica.

Recentemente i presidenti di 3 importanti società scientifiche, la Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia, la Società Italiana di Nefrologia, e la Società Italiana di Pediatria, hanno dichiarato che l’utilizzo di probiotici durante il periodo gestazionale e nei primi mesi di vita del bambino, ha tra gli altri effetti, anche quello di dimezzare il rischio di allergie.

L’OMS definisce probiotici quegli “organismi vivi che, somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio alla salute dell’ospite” . In commercio i probiotici si trovano, in determinati alimenti, in liofilizzati, in integratori alimentari o prodotti farmaceutici da banco. Sono microorganismi che somministrati in quantità adeguata, apportano un beneficio anche alla salute dell’uomo.

Nonostante i molti effetti benefici dei probiotici, sono ancora poche le mamme che li usano in modo consapevole, e pochi i medici che li prescrivono a scopo preventivo. Per quanto riguarda la popolazione Italiana, la rinite allergica (che affigge il 25% dei bambini) e l’asma (che affligge circa il 10% dei bambini) sono le più diffuse di allergie che affliggono i bambini con meno di due anni di vita

Foto: Kit4na / CC (BY)