«Tobacco End Game», sigarette a 18 Euro anche in Italia

«Cari colleghi oncologi dell’AIOM, a più riprese leggiamo sui media del vostro accorato e reiterato appello per la costituzione di un fondo nazionale per la cura dei tumori, con l’incremento di un centesimo sul costo dei prodotti del tabacco. E’ proprio il Fumo (con la F maiuscola) che vi porta tanto, ma proprio tanto, lavoro, e voi chiedete al ministro e al Governo di mantenere inalterato il parco-fumatori italiano? Create piuttosto alleanze virtuose perché questo olocausto dorato cessi o si riduca», scrive Giacomo Mangiaracina, Presidente dell’Agenzia Nazionale per la Prevenzione, in una lettera aperta al Ministro della salute, Beatrice Lorenzin, e agli oncologi dell’Associazione italiana di oncologia medica.

«Tobacco End Game», sigarette a 18 Euro anche in Italia

«Tobacco End Game», sigarette a 18 Euro anche in Italia

Secondo Mangiaracina, le recenti norme introdotte dal Governo non sarebbero sufficienti a contrastare il vizio del fumo che, secondo recenti sondaggi dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nel nostro paese ogni anno uccide tra le 73 e le 80 mila persone, di cui circa 17 mila hanno un’età compresa tra i 35 ed i 60 anni.

Sino ad ora, il Governo italiano ha adottato una strada meno aggressiva del resto d’Europa e di molti paesi sviluppati nella lotta contro il fumo. Un approccio ironico, «delicato», e incentrato sull’educazione e la sensibilizzazione verso i rischi connessi al fumo. Un approccio i cui toni sono ben rappresentati da una serie di spot realizzati lo scorso anno con l’attore Nino Frassica.

Ben diversi, invece, sono i toni di Mangiaracina, che prendono spunto dalla drastica decisione presa dalla Nuova Zelanda qualche anno fa, che in nome del programma «Tobacco End Game» ha deciso di mettere in atto una serie di misure «aggressive» per eliminare il tabacco dal paese entro il 2025; misure che, tra le altre, includono anche l’aumento del prezzo delle sigarette a 18 Euro al pacchetto.

Nuova Zelanda – 10 strategie «Tobacco End Game»

  1. divieto di fumare in auto
  2. maggiori difficoltà per acquistare le sigarette
  3. obbligo di vendere pacchetti di sigarette standardizzati (senza colori, logo del produttore, ecc.)
  4. creazione di comunità «smoke free»
  5. eliminazione del tabacco dai duty-free
  6. aumenti fiscali
  7. aggressiva pubblicita anti-fumo sui media
  8. rimozione degli esaltatori di sapidità
  9. maggior trasparenza dei rapporti tra i lobbisti di tabacco ed il governo
  10. supporto per sceglie di smettere di fumare